La cura di sé stessi passa per i prodotti biologici e naturali, grazie all’uso di rimedi e metodi tradizionali a base di erbe, piante e altre sostanze, fornite direttamente da Madre Terra. Scopriamo ora tre piante benefiche per il nostro corpo.

I segreti dell’aloe

piante benefiche
aloe vera. photo credit: stylecraze.com

Esistono ben 350 varietà di aloe, ma quella cosiddetta “vera” è la più ricca di proprietà medicinali. Questa pianta grassa dalle foglie lunghe, originaria dell’Africa, preferisce l’habitat marino. Non a caso il suo nome deriverebbe dal termine greco “als-alòs”, che significa sale, ma anche mare. Secondo un’altra interpretazione trarrebbe origine dal vocabolo arabo “alua”, che vuol dire amaro come è in effetti il succo estratto dalla pianta. A livello medicinale-cosmetico, dell’aloe si utilizzano le foglie sia fresche sia essiccate e ridotte in polvere. Particolarmente benefica è la gelatina che da esse si estrae: è un’efficace cicatrizzante per scottature e ferite. E’, infatti, un toccasana nella cura dei disturbi della pelle, utilizzata come ricostituente e rivitalizzante. La pianta contiene anche sostanze che svolgono un’azione purificante e lassativa. Questa pianta è utilissima contro l’invecchiamento in quanto ricca di ossidanti. Contiene vitamine A, C, E ed è adatto per contrastare i radicali liberi.

Karité: l’oro delle donne

piante benefiche
burro di karitè. photo credit: burrokarite.com

Il karité, originario dell’Africa, è una delle piante benefiche più utilizzate per la cura del corpo. Il suo frutto racchiude un nocciolo legnoso. Tramite la frantumazione dei suoi semi si ottiene il prezioso burro di karité. Chiamato l’oro delle donne perché prodotto esclusivamente da loro, in tanti paesi africani è da millenni impiegato non solo come cosmetico per la pelle e i capelli, ma anche come rimedio contro reumatismi (tramite massaggi), per alleviare bruciature e irritazioni della pelle. Anche l’occidente negli ultimi anni ha scoperto le sue proprietà trasformandolo in creme balsami, o aggiungendolo in cosmetici classici. E’ ricca di vitamina A, E e F ed è indicato per pelli molto secche, eritemi, capelli sfibrati e secchi.

Olio di argan: la bellezza viene dal deserto

piante benefiche
olio di argan. photo credit: salutenaturale.eu

Tra le piante benefiche più efficaci per il ringiovanimento cutaneo rientra certamente l’olio di argan, esso infatti contiene un’alta concentrazione di vitamina E. Questo prodotto rispetto ad altri è più costoso per diversi motivi. Innanzitutto per avere un litro di olio occorrono 100 kg di noccioli. Inoltre la reperibilità è limitata visto che cresce solo in Marocco ai margini del deserto. E’ un pregiato concentrato di acidi grassi con eccellenti proprietà antiossidanti. Impegnato per cosmetici anti-età e per massaggi poiché rende la pelle elastica, levigata e luminosa. Contiene vitamina E, A, e F, che lo rendono un rimedio contro i radicali liberi. Viene utilizzato anche come alimento, il suo sapore ricorda quello della nocciola e può essere usato per condire cous cous e piatti a base di pesce e carne.

Farmacia Loreto Image Banner 728 x 90


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



potrebbe interessarti anche:
Marida Muscianese
Le mie relazioni con le serie tv sono state le più durature e affidabili della mia vita, soprattutto in quelle giornate grigie e spente dove una tazza di tè, una coperta e un episodio dopo l’altro mi hanno resa la vecchia talpa appassionata che sono ora. Amo viaggiare e non appena ho l’occasione scappo verso una nuova meta, pronta a farmi affascinare da nuovi panorami e sperimentare nuovi cibi e sapori.