Nel giorno del matrimonio si corona l’amore e quindi deve essere organizzato nel modo più dolce e romantico. Cosa c’è di meglio di un corteo di damigelle e paggetti che precedono l’arrivo della sposa all’altare? Però anche i piccoli protagonisti devono avere gli abiti giusti: segui i nostri consigli!

Organizzare il corteo damigelle e paggetti

damigelle e paggetti
damigelle e paggetti (http://www.matrimonioideale.it)

Quando si decide che l’entrata della sposa deve essere preceduta dalle damigelle e dai paggetti occorre scegliere nel modo migliore i “candidati” più adatti. Il criterio di scelta non si basa sull’aspetto fisico, ma sulla capacità motoria. Infatti, il primo consiglio riguarda l’età i paggetti e le damigelle devono aver compiuto almeno 2 anni. Questo dettaglio è fondamentale per garantire che durante l’attraversata tutto vada per il meglio. Nel caso in cui si voglia far tenere lo strascico ai bambini scegliete dei piccoli che abbiano compiuto almeno i 4 anni. Altro dettaglio da definire con i giusti criteri è il numero: solitamente si va dai 2 fino ad un massimo di 8 (solitamente si sceglie sempre una coppia maschietto e femminuccia ma, questo non è un particolare fondamentale).

La scelta degli abiti

damigelle e paggetti
l’abito giusto per damigelle e paggetti (http://www.calabriasposi.com)

L’abito delle damigelle e dei paggetti è un altro dettaglio assai importante. La prima regola da ricordare è tenere conto del carattere e dei gusti del bambino e della bambina. Cercate quindi di esaltare la loro personalità. Oppure, l’alternativa è la riproduzione degli abiti degli sposi, ma solo nel caso in cui si trattasse di una sola coppia di bambini. Anche i colori degli abiti devono essere appropriati, cioè sbizzarritevi: sono bambini e quindi portatori sani di allegria! In ogni caso dovete sempre tener conto dello stile del matrimonio.

Alcuni look di riferimento

damigelle e paggetti
Alcuni look di riferimento

Tra i look per damigelle e paggetti che sono più di tendenza ne troviamo 3 alquanto interessanti:

  • Hipster: la moda che sta andando per la maggiore tra ragazzi ed adulti, ora riscuote altrettanto successo anche tra i bambini. Uno stile così sbarazzino e un po’ fuori dalle righe si potrebbe rivelare la soluzione più allegra e divertente per delle damigelle e dei paggetti che accompagnano una sposa mozzafiato! E quindi, optate per una camicia a quadretti con tonalità tendenti al giallo e marrone e papillon abbinato per i maschietti. Mentre, un  abitino corto e delle stesse tonalità della camicia di lui per la femminuccia.
  • Shabby chic: se per il matrimonio si sono scelti delle tonalità pastello, per gli abiti delle damigelle e dei paggetti potete scegliere lo stile Shabby Chic. In questo caso, optate per un abbigliamento dalle tonalità chiare e rosa pastello per lei e bianche e tendenti all’azzurro per lui.
  • Classic Chic: in questo caso si tratta per l’opzione più tradizionale, quindi completo scuro, pantalone giacca e camicia per lui e un abito total white per lei. Nel caso in cui preferiate scegliere questo stile, potete optare anche per una riproduzione in miniatura dell’abito degli sposi.

Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



potrebbe interessarti anche:
Deborah Farinon
In volo sulle ali della mia fantasia! Così mi descrivo sin da quando sono una bambina, perché così è come mi sento: sono curiosa e adoro farmi stupire continuamente da ciò che mi circonda, amo la natura, le sfide, la creatività. Tutto questo mi ha permesso di diventare la persona che oggi sono e fare il lavoro dei miei sogni: l’educatrice! Non si deve mai aver paura di mettersi in gioco!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here