Dopo Musical.ly arriva Live.ly : ecco cosa riporta un’inquietante indagine in merito alla sicurezza dei nostri bambini

Ogni genitore deve essere sempre informato riguardo l'utilizzo di App e siti web del proprio figlio. Ed è fondamentale che i genitori sappiano che Livel.ly è un video streaming che consente agli utenti di trasmettere video in diretta ad amici online ed è realizzato dagli stessi sviluppatori di Musical.ly.

Dopo Musical.ly arriva Live.ly: ecco cosa riporta un’inquietante indagine in merito alla sicurezza dei nostri bambini

Nel precedente articolo abbiamo parlato della cliccatissima App Musical.ly, attraverso la quale milioni di bambini creano e condividono dei video in cui si muovono a ritmo di musica e cantano in play back canzoni famosissime. Lanciato nel 2014, Musical.ly è in rapida crescita, con oltre cento milioni di giovani adolescenti che lo utilizzano in tutto il mondo.

Ora Musical.ly si sta espandendo oltre i video musicali, con il lancio di Live.ly, la sua piattaforma live streaming. Gli utenti (parliamo di bambini e bambine di età compresa tra i 9 e i 15 anni) sono in grado di trasmettere attraverso l’App Live.ly e gli stream saranno visibili su Musical.ly.

live.ly
Dopo Musical.ly arriva Live.ly (www.youtube.com)

Dopo Musical.ly arriva Live.ly. E tu, genitore, sai di cosa si tratta?

Ogni genitore deve essere sempre informato riguardo l’utilizzo di App e siti web del proprio figlio. Ed è fondamentale che i genitori sappiano che Livel.ly è un video streaming in diretta in un’app di social networking. Consente agli utenti di trasmettere video in diretta ad amici online ed è realizzato dagli stessi sviluppatori di Musical.ly. Gli utenti possono accedere con il loro account Musical.ly, Facebooko Twitter.

I termini di utilizzo specificano che gli utenti hanno almeno 13 anni ma che, usando il servizio, affermano di avere 18 anni, il che non ha molto senso. Come con qualsiasi servizio di live streaming, ci sono preoccupazioni su ciò che i bambini potrebbero vedere. Sul tipo di informazioni che potrebbero dare i bambini, e il potenziale di bullismo o commenti inappropriati da parte degli spettatori.

Tuttavia, l’app avvisa gli utenti all’inizio degli stream di non esporre informazioni personali. E ricorda loro di “essere gentili” sebbene gli sviluppatori non promettono alcuna supervisione. Gli utenti possono bloccare gli spettatori che postano commenti inappropriati . E gli spettatori possono segnalare le emittenti se stanno trasmettendo contenuti incerti, sebbene i termini di utilizzo dichiarino che gli sviluppatori non hanno l’obbligo di fare nulla in risposta.

Dopo Musical.ly arriva Live.ly: ecco cosa riporta un’inquietante indagine in merito alla sicurezza dei nostri bambini

Durante un’indagine durata 8 giorni, Channel 4 News (un’emittente televisiva britannica trasmessa in tutte le zone del Regno Unito) ha visto 45 ore di streaming dal vivo. La rivelazione è stata inquietante: circa la metà degli stream visualizzati contenevano contenuti inappropriati, diretti a bambine di appena 9 anni.

In 50 occasioni, ai bambini è stato chiesto di mostrare o rimuovere i loro indumenti, o di cambiarsi in abiti sexy. Ci sono stati più di 25 riferimenti sessuali a parti del corpo. Quasi 30 occasioni in cui i bambini hanno ricevuto domande o richieste sessuali, alcune delle quali estremamente esplicite. Nessuna moderazione dal vivo ha avuto luogo. E nessuno degli scambi espliciti, alcuni della durata di un’ora, sono stati chiusi.

John Carr, uno dei maggiori esperti del Regno Unito sulla sicurezza online dei bambini che hanno visionato il filmato, ha detto a Channel 4 News: “Non c’è dubbio che un’applicazione come questa sia una calamita per i pedofili”.

E voi, mamme, cosa ne pensate?

potrebbe interessarti anche:

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here